La sezione aurea

sulla carta

Nessun commento


Share this post

UN LIBRO SULLA “DIVINA PROPORZIONE”.

C’è qualcosa che accomuna la mirabile disposizione dei petali di una rosa, la celebre opera Sacramento dell’Ultima Cena di Salvador Dalì, l’armoniosa spirale di alcune conchiglie, l’allevamento dei conigli e la serie di Fibonacci (1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55… in cui ogni cifra è la somma delle due che lo precedono)? Per quanto strano possa sembrare, dietro queste realtà così disparate si nasconde sempre lo stesso numero irrazionale. Non esprimibile con una frazione e con infinite cifre apparentemente casuali dopo la virgola, è pari a 1,6180 e viene comunemente indicato con la lettera greca “phi”. Esprime una proporzione geometrica sotterranea scoperta dai pitagorici, calcolata da Euclide, chiamata – in un trattato di Luca Pacioli illustrato da Leonardo – “divina proporzione” e in seguito, nell’Ottocento, “sezione aurea”, che tende a mostrarsi nei luoghi più impensati e per questo è vista da molti matematici come il simbolo dell’armonia dell’universo. In questo libro Mario Livio ci porta alla scoperta dei miti e della realtà della sezione aurea, in un viaggio dove il mondo fisico e le creazioni artistiche si scoprono profondamente e indissolubilmente legati alla limpida bellezza dei numeri.

Autore: Mario Livio, astrofisico, lavora presso lo Space Telescope Science Institute, che coordina il programma scientifico del telescopio spaziale Hubble. Ha pubblicato La bellezza imperfetta dell’universo (2003), L’equazione impossibile (2005, BUR 2006) e La sezione aurea (2006, BUR 2007).

Read more

Bibliotheca Perspectivae

nella rete

Nessun commento


Share this post

UNA RACCOLTA DI TRATTATI DIGITALIZZATI INERENTI LA PROSPETTIVA NEL RINASCIMENTO.

http://brunelleschi.imss.fi.it/bdtema/ibpr.asp?c=684&xsl=5

Il progetto mira a soddisfare le esigenze di un settore storiografico a lungo considerato come un’appendice della storia dell’arte o un ‘corollario’ di storia della scienza ma oggi sempre più caratterizzato da una precisa autonomia disciplinare.

La storia della prospettiva o, più in generale, della rappresentazione, vanta ormai una quantità di titoli bibliografici che documentano chiaramente la specificità del problema nel panorama degli studi critici sulle arti e sulle scienze dell’età moderna.

Analogamente a quanto si è fatto e si sta facendo sui trattati di architettura, gli scritti d’arte e le fonti di storia della scienza, il proposito è quello di fornire agli studiosi una ‘biblioteca’ sulla rappresentazione che raccolga in prima istanza le fonti trattatistiche del periodo compreso tra il XV e il XVIII secolo.

L’applicazione è suddivisa in quattro sezioni:

Opere
Bibliotheca Perspectivae si propone di fornire agli studiosi una ‘biblioteca’ sulla rappresentazione che raccolga, oltre 50 opere, preziose e rare, del periodo compreso tra il XV e il XVIII secolo. L’acquisizione digitale dei documenti è eseguita a 400 DPI 24-bit (TIFF, jpeg2000 o PNG) colore. Per la consultazione on line è stata scelta una risoluzione di 150 DPI jpeg 80% (gli ingrandimenti 600 pixel, lato maggiore, jpeg 80%). Per l’immissione dei metadati, che garantiscono la consultazione dei testi tramite un indice strutturato, è stato utilizzato il formato MAG.

Laboratorio Didattico
La sezione presenta un insieme di risorse digitali, interne al sito dell’IMSS, che consentono di inquadrare in maniera semplice ed accattivante gli aspetti salienti della biblioteca digitale. Si tratta di un laboratorio didattico virtuale, i cui strumenti sono prevalentemente rappresentati da animazioni, filmati e slide-shows che presentano il contesto storico, i personaggi, gli strumenti, gli esperimenti e i luoghi pertinenti alle argomentazioni trattate.

Iconografia
Questa sezione permette la consultazione della documentazione iconografica inerente alla prospettiva. Un nutrito e selezionato numero illustrazioni tratte da testi e manoscritti, rappresentano le fonti informative originarie principali. L’accesso al nutrito e selezionato apparato iconografico è fornito da una lista tematica di termini che può espandersi fino a quattro livelli (Categoria – I° livello specifica – II° livello specifica – parola chiave). Ogni illustrazione è corredata da informazioni descrittive e di approfondimento.

Risorse di rete
La sezione è costituita dalle principali applicazioni presenti sul web pertinenti alle argomentazioni trattate. Sarà così possibile comparare, integrare e approfondire i temi di maggiore interesse.

Progetto sostenuto con il contributo di:
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Università degli studi di Firenze – Dipartimento di Filosofia

Read more